Eduardo De Filippo: un gigante del teatro

Eduardo De Filippo è stato un drammaturgo, un regista, un poeta, un attore e uno sceneggiatore italiano. Sicuramente una gigantesca figura della cultura italiana del Novecento.

Ha scritto  numerosi drammi teatrali  che lui stesso metteva  in scena e interpretava.

Spesso tradotti e interpretati anche all’estero. Tra le sue più note  commedie ricordiamo “Natale in casa Cupiello” e “Filumena Marturano”.

Nella  sua lunga carriera lavorò anche nel cinema con gli stessi ruoli ricoperti nell'attività teatrale. Per i suoi  meriti artistici e il suo notevole contributo  alla cultura, il presidente della repubblica Sandro Pertini  lo  nominò  senatore a vita. Fu anche candidato per il Premio Nobel per la letteratura. E' difficile descrivere la figura di Eduardo, credo che qualsiasi descrizione gli stia stretta, perchè lui è Eduardo, e basta solo pronunciarne il nome per rivedere come un flash piccoli fotogrammi di tutte le commedie e di tutti i suoi personaggi, che per una battuta, o per una caratteristica fisica, o per il coinvolgimento emotivo, sono rimasti impressi nella nostra mente. Mi piace ricordarlo con una sua bellissima poesia -'O mare" - e con alcune sue espressioni significative, alcune in italiano, altre in dialetto napoletano.

 

'O mare

 

 

"'O mare fa paura"
Accussì dice 'a ggente
guardanno 'o mare calmo,
calmo cumme na tavula.
E dice 'o stesso pure
dint' 'e gghiurnate 'e vierno
quanno 'o mare
s'aiza,
e l'onne saglieno
primm' a palazz' 'e casa
e po' a muntagne.
Vergine santa...
scanza 'e figlie 'e mamma!
Certo,
pè chi se trova
cu nu mare ntempesta
e perde 'a vita,
fa pena.
e ssongo 'o primmo
a penzà ncapo a me:
"Che brutta morte ha fatto
stu pover'ommo,
e che mumento triste c'ha passato".
Ma nun è muorto acciso.
È muorto a mmare.
'O mare nuna cide.
'O mare è mmare,
e nun 'o sape ca te fa paura.
Io quanno 'o sento...
specialmente 'e notte
quanno vatte 'a scugliera
e caccia 'e mmane...
migliara 'e mane
e braccia
e ggamme
e spalle...
arraggiuso cumm'è
nun se ne mporta
ca c' 'e straccia 'a scugliera
e vveco ca s' 'e ttira
e se schiaffea
e caparbio,
mperruso,
cucciuto,
'e caccia n'ata vota
e s'aiuta c' 'a capa
'e spalle
'e bracce
ch' 'e piede
e cu 'e ddenoccie
e ride
e chiagne
pecché vulesse 'o spazio pè sfucà...
Io quanno 'o sento,
specialmente 'e notte,
cumme stevo dicenno,
nun è ca dico:
"'O mare fa paura",
ma dico:
"'O mare sta facenno 'o mare".

 

 

 

 ***

Buongiorno, Signor De Filippo, qui è la televisione." "Va bene, aspetti che le passo il frigorifero.

***

Teatro significa vivere sul serio quello che gli altri, nella vita, recitano male.

***

Quando è buon tempo ognuno è marinaio e si vorrebbe mettere al timone.

Col mare in calma tutti sono capaci di portare un vapore a passeggiare.

***

Non possiamo essere noi a distribuire il bene e il male: non conosciamo le proporzioni.

***

Voglio dire che tutto ha inizio, sempre da uno stimolo emotivo: reazione a una ingiustizia, sdegno per l'ipocrisia mia ed altrui, solidarietà e simpatia umana per una persona o un gruppo di persone, ribellione contro leggi superate e anacronistiche con il mondo di oggi.

***

Mi sono scocciato di sottostare alla legge del vivere civile che ti assoggetta a dire sì senza convinzione quando i no, convintissimi, ti saltano alla gola come tante bolle d'aria.

***

Quando sono in palcoscenico a provare, quando ero in palcoscenico a recitare... è stata tutta una vita di sacrifici. E di gelo. Così si fa il teatro. Così ho fatto!

***

È proibito dare consigli quando la gente non li chiede.

***

L'uomo non è cattivo. Ha solo paura di essere buono.

***

Io sarò al Senato quello che sono stato sia nella vita, sia nelle commedie. È per quello che ho scritto che mi lusingo abbiano voluto compensarmi con la nomina a senatore. Quindi lo sapevano e lo sanno che io sono per il popolo.

***

I fantasmi non esistono. I fantasmi siamo noi, ridotti così dalla società che ci vuole ambigui, ci vuole lacerati, insieme bugiardi e sinceri, generosi e vili.

***

Essere superstiziosi è da ignoranti, ma non esserlo porta male.

***

Se un'idea non ha significato e utilità sociale non m'interessa lavorarci sopra.

***

Ogni minuto muore un imbecille e ne nascono due.

***

S'ha da aspettà, Amà. Ha da passà 'a nuttata.

***

La vita è dura e nessuno t'aiuta. O meglio, c'è chi ti aiuta ma una volta sola per poter dire "t'ho aiutato.

***

„Voi sapete che io ho la nomina (non di senatore, per carità) che sono un orso, ho un carattere spinoso, che sfuggo… sono sfuggente. Non è vero. Se io non fossi stato sfuggente, se non fossi stato un orso, se non fossi stato uno che si mette da parte, non avrei potuto scrivere cinquantacinque commedie.“

***

„'A vita è tosta e nisciuno ti aiuta, o meglio ce sta chi t'aiuta ma una vota sola, pe' pute' di': "T'aggio aiutato...“

***

„Teatro significa vivere sul serio quello che gli altri, nella vita, recitano male.“

***

„'E denare vanno e vénneno | quanno ll'ommo vene e va, | quanno tene 'o pparlà facile | e se sape presentà… (da 'E denare)“

***

„Peggio pe' chi | sti panne | l'ha stracciate, | sapenno ca chi straccia nu vestito | can nun l'ha pavato, | è sempe uno ca straccia | 'a rrobb''e ll'ate! (da Sta pella)“

***

„Quando sono in palcoscenico a provare, quando ero in palcoscenico a recitare... è stata tutta una vita di sacrifici. E di gelo. Così si fa il teatro. Così ho fatto!“

***

„S'ha da aspettà, Amà. Ha da passà 'a nuttata.“

***

„Quand'ero piccolo amavo i vecchi, poi a un'età giovanile, non so, frequentavo i vecchi e non i giovani. Perché dai vecchi io apprendevo la saggezza, apprendevo e stavo a sentire quello che mi dicevano. E in quell'epoca i vecchi erano più altruisti. Mi ricordo un particolare: non vedevo l'ora di diventare vecchio.“

***

„E si 'a salute cresce | e si tu crisce | crisce pecché | stu vverde | cresce e pascia. (da 'A zappa)“

***

„Voglio dire che tutto ha inizio, sempre da uno stimolo emotivo: reazione a una ingiustizia, sdegno per l'ipocrisia mia ed altrui, solidarietà e simpatia umana per una persona o un gruppo di persone, ribellione contro leggi superate e anacronistiche con il mondo di oggi.“

***

„In qualunque mestiere, in qualunque professione è bene tenere conto di questo: chi lavora egoisticamente non arriva a niente. Chi lavora altruisticamente se lo ritrova, il lavoro fatto.“

***

„Se un'idea non ha significato e utilità sociale non m'interessa lavorarci sopra.“

***

„Ncopp'a stu munno | n'ata padrona | nun 'a potevo | peggio truvà. (da La canzone della serva)“

***

(A cura di Alessia S. Lorenzi - Riproduzione riservata)

TOP