ARCHIVIO NOTIZIE

 

 

Calendario eventi passati

______________________________________________________________________

Presentazione del  libro "Come il Canto del Mare" 

Raccolta di pensieri, frasi, aforismi e riflessioni, come piccoli suggerimenti sussurrati dal Mare col suo canto, ora calmo e dolce, ora malinconicamente arrabbiato.

Un pensiero dietro l’altro in cui è possibile leggere l’amore, l’allegria, la vita in tutte le sue sfumature e la voglia di provare a superare qualsiasi difficoltà il destino ponga sul nostro cammino.

Avvenuta il 16 maggio alle ore 19,30 presso Libreria Librolandia - Giardini del Sole - Racale (LE)

 

Caramelle letterarie

Dall'8 al 10 maggio  ad Alliste (Le)  si è tenuto il festival Caramelle letterarie: fiera dell'editoria, laboratori per ragazzi, maratona letteraria, flash mob, satira, visual e data journalism, incontri con autori e molto altro!

Hanno partecipato alla maratona gli scrittori Alberto Diso, Alessia S. Lorenzi, Angelo Donno, Annalisa Bari, Antonio Lillo, Domenico Maggipinto, Simone Perrone, Walter Spennato e molti altri... A lato il programma completo.

 InchiostroDiPuglia

Taviano ha aderito a InchiostroDiPuglia con un ricco programma di presentazione di libri, reading, gruppi di lettura per una Puglia che resiste e che crede nel valore della lettura, all’interno della Biblioteca Comunale - Fortino Letterario n. 61.

Inizio programma ore 10 (vedasi locandina)

Dalle 21.00 reading degli Autori della nostra Terra. Con la partecipazione di Alessia S. Lorenzi, Angelo Donno, Don Salvatore Barone, Giuliano D'Elena,  Remigio Morelli, Walter Spennato ed altri.

Giornata mondiale della Poesia 2015

Letture poetiche e musica.

- Celebrando Eugenio MONTALE -

21 marzo ore 19:00

 Relazione: Renato DE CAPUA

 Introduzione alle poesie di Alessia S. LORENZI

 Presentazione dello Spazio

per la realtà poetica del Salento: Carlo PASCA

Musica:  Carlo LONGO

A cura dell'Associazione culturale "La Piazza"

 Palazzo Marchesale "De Franchis" - Taviano - LECCE

5°  Incontro del seminario di studi 

"Passato - Presente"
 organizzato  dall'Associazione "LaPiazza"

 "L'attualità della cultura classica"

 Figure femminili nella tragedia greca:
Clitennestra, Ifigenia e Alcesti

  Presentazione:  Alessia S. Lorenzi 

Relatrice: Prof.ssa Rosanna Guido (Università del Salento)

Venerdì 13 febbraio ore 19,00

 

(Alcuni momenti della serata)

Seminario di studi "Passato -Presente" organizzato dall' Associazione "La Piazza"-  Secondo incontro: L'attualità della cultura classica

Le donne di Orazio

Presentazione di Alessia S. Lorenzi - Relatore Prof. Ezio Pasca

 

(Alcuni momenti della serata)

Altre notizie

 

 

Virna Lisi: un’attrice che sapeva essere silenziosamente grande

 

Virna Lisi, l’attrice dal viso d’angelo, se n’è andata lasciando un grande vuoto nel cinema italiano e in tutti coloro che ne hanno saputo apprezzare le grandi qualità. E quando dico  cinema italiano intendo il grande cinema. Una donna che ha saputo dare valore all’aspetto interiore di una persona mettendo al secondo posto quello esteriore, una donna che ha accettato spessissimo ruoli che la invecchiavano e la imbruttivano perché  sosteneva che “per il tuo aspetto che merito hai?” E lei dava il massimo nel suo lavoro, dimostrando che oltre alla bellezza straordinaria, luminosa e quello  sguardo azzurro  che raccontava la  bellezza dell’anima, lei era una “diva” dentro.

Da anni interpreto soprattutto ruoli di madre. Sono sempre stati quelli che ho preferito. Mi piaceva fare la madre già quando avevo solo l’età per fare la figlia. Tanto che dovevano invecchiarmi col trucco, per rendermi credibile

Un’attrice che seppe dire no a Hollywood, sogno di tutte le attrici del mondo. Ci arrivò nel 1964 dove girò il film,  con Jack Lemmon, “Come uccidere vostra moglie” e un altro paio di  film, tra cui uno con Frank Sinatra. Nello stesso periodo rifiutò la  parte  della Bond girl nel nuovo capitolo del film  Agente 007, dalla Russia con amore.

Anni dopo interpretò diversi  film di Germi, Lattuada, Comencini e di altri grandi registi.

Pur essendo innamorata del suo lavoro, amava molto anche il suo ruolo di moglie e madre. Forse è stata l’unica diva che ha accettato con indifferenza l’apparire delle rughe, (“Le rughe rappresentano il passato di ciascuno, e fanno parte della vita...”) come se quei segni le dessero  la possibilità di mettere ancora più in evidenza  la  sua grande bravura di attrice.

Sosteneva che “Essere belle non è sempre facile se si vuol fare cinema serio”. 

Nel sonno il suo cuore si è fermato, qualche settimana dopo aver scoperto di avere un male incurabile.

Ciao Virna, ci mancherai, ci mancherà la tua dolcezza e il tuo essere silenziosamente grande.

(© Alessia S. Lorenzi  - Riproduzione riservata)

LA TARANTA CONTINUA A...PIZZICARE

Bellissima  serata nelle prove del concerto della Notte della Taranta

 

 

Un’atmosfera rilassata e piacevole si respirava ieri sera a Melpignano. Già dalle prime ore di un assolato pomeriggio di agosto,  centinaia di persone si erano sistemate sul piazzale dell’ex convento degli Agostiniani per assistere alle prove del concerto. Man mano che i colori del tramonto  si riflettevano sul grande palco, le centinaia diventavano migliaia  sempre in un composto atteggiamento di relax e sana voglia di ascoltare musica, senza  eccessi e senza disordini.

Persone di tutte le età erano lì in paziente attesa. C’erano gli asciugamano  stesi sull’erba e famiglie intere con sedie e sgabelli per non stancarsi durante il  lungo concerto e poi  comitive di amici organizzati con tutto l’occorrente come per una simpatica scampagnata.

Bimbi che saltellavano sul prato, ragazzi col tamburello che improvvisavano ballate, coppie di anziani con le loro sedie a sdraio e il volto sorridente rivolto verso il palco in attesa di quella nota, di quella canzone che li rimandasse  un po’ indietro nel tempo, quando da giovani improvvisavano balli e canti in casa, tra amici.

Intorno alle 18,30 si comincia a sentire qualche accordo, qualche ritornello di canzone e tutti  attendono, in trepidante attesa, l’inizio vero e proprio.

L’atmosfera è coinvolgente con un pubblico composto e attento, intenzionato solo a sentire la musica. Nessuna “esibizione” di  bottiglie di birra o di altri alcolici, né ragazzi sfrenati alla ricerca di emozioni estreme e trasgressive scalmanati e urlani...no, niente di tutto questo.

Piacevole e moderatamente allegro, questo è il pubblico della vigilia. Mi auguro che anche quello del concerto, quest’anno,  sia  così splendidamente  composto.

Tornando alle prove, verso le  20,30-21,00, il pubblico è cresciuto tantissimo...alla fine si parlerà di 50 mila - 60mila persone.

Applausi, tanti e tanta partecipazione con canti, balli e tamburellisti improvvisati.

Un pre concertone fantastico che lascia presupporre un concerto altrettanto bello! Fortissima come sempre l’emozione che si prova ad essere  lì  “dentro” la musica e poco importa che siano prove e non il concerto vero e proprio:  lei come un vortice magico ti avvolge e coinvolge.

Quando i musicisti, con i loro strumenti, hanno iniziato a suonare è calato il silenzio,  ma quando “entrava in scena” il suono incalzante dei tamburelli, riusciva a rendere  magica una normalissima serata d’agosto.

Grande Phil Manzanera, bravissimo Paul Simonon, il bassista dei Clash, grande anche il batterista Tony Allen e la meravigliosa violinista Anne Phoebe; fantastico Antonio Castrignanò e gli altri artisti salentini, grandioso Ligabue che ha saputo accostarsi alla nostra musica popolare con rispetto ed umiltà come solo un grande artista sa fare. Ascoltare "Beddhra ci dormi", cantata da lui, non ha prezzo.

22 agosto 2015

(© Alessia S. Lorenzi - riproduzione riservata)